Tutto ebbe inizio nel 1871

La fondazione delle Scienze agrarie

 – 
  • Besondere Ereignisse

La richiesta di una Scuola agraria (Landwirtschaftliche Schule) risale al periodo immediatamente successivo alla fondazione del Politecnico Federale di Zurigo. Dopo lunghi negoziati, il Consiglio federale e il Parlamento decisero nel 1869 di mettere in pratica il progetto. Due anni dopo, i primi cinque studenti poterono iniziare i loro studi di scienze agrarie.

A metà del XIX secolo, la pressione sull'agricoltura aumentò. Il grado di autosufficienza della Svizzera stava diminuendo, anche se circa il 50% della popolazione lavorava direttamente o indirettamente nell'agricoltura. Anche la progressiva industrializzazione ha giocato un ruolo. La produzione interna diminuì, mentre sempre più grano a basso costo venne importato.

I fondatori della Scuola agraria (Landwirtschaftliche Schule) erano consapevoli che il progresso nell'agricoltura era strettamente legato al futuro politico ed economico della Svizzera. Perciò chiesero le migliori condizioni per l'agricoltura in modo che essa potesse essere assicurata, promossa e sviluppata ulteriormente.

Bei tempi per la scienza

Insieme alla rivoluzione industriale, anche le scienze hanno fatto grandi progressi. Sulla base delle scoperte del secolo precedente, i singoli campi della scienza divennero sempre più strutturati e professionalizzati. I repentini cambiamenti della società incoraggiarono lo studio sistematico delle osservazioni e delle esperienze.

Mentre all'estero, soprattutto in Germania, l'agronomia aveva un posto fisso nella scienza, la Svizzera doveva ancora recuperare un po' di terreno. Il focus dell'educazione agricola a quel tempo era ancora principalmente l'insegnamento e la catalogazione di valori empirici.

Con il nuovo programma di studi del Politecnico Federale di Zurigo, l'attenzione è stata deliberatamente concentrata su una comprensione più ampia del "sistema dell'agricoltura". A causa della situazione economico-politica dell'epoca, le interazioni tra l'agricoltura e l'efficienza operativa dovevano essere studiate e comprese più in dettaglio. L'obiettivo dichiarato era "educare i futuri agricoltori sulle interrelazioni della produzione agricola" e "acquisire conoscenze sull'importanza dell'agricoltura nella vita pubblica", secondo un rapporto sulla fondazione.

Negoziati difficili

Nel 1964, l'Assemblea dei deputati della Società agricola svizzera presentò una richiesta alle autorità federali chiedendo che la divisione forestale del PFvenisse ampliata in una divisione agraria e forestale. A questo scopo dovevano essere nominati due professori e un assistente, e doveva essere creata una stazione di prova di chimica agraria. Seguirono anni di discussioni. Una commissione speciale nominata dal Consiglio federale giunse infine alla conclusione che una divisione agraria sarebbe stata effettivamente adatta al PF. Inoltre, le risorse finanziarie e le infrastrutture necessarie erano disponibili.

Ci fuperò un emendamento: la commissione speciale era del parere che un assistente non fosse sufficiente per l'insegnamento della chimica agraria e che fosse invece necessaria una terza cattedra. Così, anche Ernst Schulze arrivò al Politecnico come professore ordinario di chimica agraria e tecnologia agraria con un leggero ritardo, cioè un anno dopo la fondazione del nuovo corso di studi.

Finalmenteil momento arrivò. Nel novembre 1869, il Consiglio federale presentò un messaggio al Parlamento, che prima del Natale dello stesso anno approvò la "Legge federale sull'estensione della scuola forestale del Politecnico federale a scuola di agricoltura e selvicoltura".

Legge federale del 1869 firmato dai presidenti e dai segretari dei due Consigli.

12% del budget per 3 professori

I primi tre professori del nuovo programma di studio - Adolf Kraemer, Anton Nowacki e Ernst Schulze - coprirono le aree della gestione delle aziende agricole e della produzione animale, della produzione vegetale e dell'agricoltura, così come dell'agrochimica e della tecnologia agricola. Nel 1871, i primi cinque studenti iniziarono i loro studi - erano cinque uomini. I primi quattro studenti a laurearsi furono Joseph Frey dal Canton Argovia, Tommaso Galanti e Pietro Masetti dall'Italia, e Gilbrecht von Löw dall'Assia. È interessante notare che anche tutti e tre i professori erano stranieri. Nel suo discorso in occasione del 125° anniversario delle scienze agrarie, l'allora presidente del PF Jakob Nüesch prese questo fatto come un'indicazione che le scienze agrarie non erano così conservatrici come la loro reputazione. Alla Scuola agraria fu assegnato il 12% del budget del Politecnico all'epoca. Allo stesso tempo, il suo credito annuale è stato aumentato di 35 000 CHF a 285 000 CHF.

Nel 1875, il curriculum, che inizialmente era di soli due anni, fu sostituito da un programma di cinque semestri, e nel 1912 (secondo altre fonti già nel 1905) da un programma di sei semestri. L'argomento si è sviluppato velocemente. Anche il numero di studenti è aumentato negli anni successivi. Mentre tra il 1871 e il 1875 solo 37 persone erano iscritte al corso, tra il 1916 e il 1920 erano già 242. Dal 1908 era anche possibile ottenere un dottorato al PF.